Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto

Museo storico della Liberazione - Roma

 A seguito del nuovo decreto Covid, in vigore dal 26 aprile 2021, il Museo riapre dal lunedi alla domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00

Terzo piano - interno 8

Fotografie di Caduti, documentazioni di situazioni drammatiche, indicazioni di luoghi dove più violenta è stata la repressione tedesca, sottolineano il contributo che alla Liberazione dettero le città e i paesi del Lazio.

Cella Manifesti

Manifesti che parlano la lingua di allora: ammonizioni e ordini, limitazioni alimentari e di libertà personale, costrizioni, inviti alla delazione…

Per approfondire visita la pagina dedicata alla Cella Manifesti .

Cella di segregazione

È la cella di isolamento che, come quella del piano inferiore, custodisce i messaggi di coloro che vi furono trattenuti.

Per approfondire visita la pagina dedicata alle Celle di segregazione .

Cella stampa clandestina

Un’ampia raccolta di giornali clandestini, stampati alla macchia, testimonia l’attività patriottica. In una vetrina è possibile riconoscere i chiodi a tre punte utilizzati dai partigiani contro le colonne di autocarri tedesche. Inoltre un commovente e prezioso cimelio: una pagnotta di pane sulla quale un detenuto, prima dell’esecuzione, ha inciso le parole “coraggio mamma”.

Per approfondire visita la pagina dedicata alla Cella stampa clandestina .

Cella internati

In questa cella è organizzata un’ampia mostra di tutto il materiale di volantinaggio stampato in clandestinità. Nella stessa stanza il primo tricolore che sventolò sul Campidoglio al momento della liberazione di Roma, il 4 giugno 1944.

Per approfondire visita la pagina dedicata alla Cella internati .