Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto Rifiuto

Museo storico della Liberazione - Roma

 Il museo è aperto tutti i giorni dal lunedi al venerdi dalle 9:00 alle 19:00, sabato e domenica compresi.

Archivio Storico della Presidenza della Repubblica 7 giugno 2022, ore 10.00 " ...Fosse Ardeatine...il tragico luogo che - per inaudita somma di martirii - riassume gli orrori di tutte le guerre e di tutte le tirannidi..."

31 Maggio 2022

(Luigi Einaudi, Per il V anniversario delle Fosse Ardeatine, 24 marzo 1949)
Il Progetto ViBiA-Virtual Biographical Archive

LINK QUIRINALE:  https://archivio.quirinale.it/aspr/iniziative-archivio/fosse-ardeatine-tragico-luogo-che-inaudita-somma-martirii-riassume-orrori-tutte-guerre-e-tutte-tirannidi

 

Incontro di studio nella ricorrenza della liberazione di Roma
Archivio Storico della Presidenza della Repubblica 7 giugno 2022, ore 10.00

 

Il seminario di studio organizzato dall'Archivio storico della Presidenza della Repubblica con il Museo storico della liberazione nella ricorrenza della liberazione di Roma, nel prendere lo spunto dalla presentazione del Progetto ViBiA - Virtual Biographical Archive, rientra nel ciclo di iniziative seminariali programmate dall'Archivio storico per gli ottant'anni dall'armistizio dell'8 settembre 1943 intese a ripercorrere idealmente il lungo itinerario che condusse il nostro Paese alla Liberazione, che vide nascere, dalle rovine della guerra, una nuova e diversa Italia, che troverà i suoi compimenti il 2 giugno del 1946, con la scelta della Repubblica e il primo gennaio 1948 con la nostra Costituzione.

 

ViBiA é un archivio digitale integrato,  sviluppato dal Museo storico della liberazione, destinato a conservare la memoria biografica - documentaria, fotografica e multimediale -, proveniente da archivi, eterogenei e policentrici, delle singole vittime delle Fosse Ardeatine.
ViBiA ospita oggi oltre 13.000 documenti selezionati, analizzati, metadatati e digitalizzati, unitamente a 500 oggetti individuati, selezionati, catalogati e riprodotti presso i nove luoghi di conservazione ove si è svolta attività di studio e ricerca.
Grazie al metodo comparativo consentito dal progetto ViBiA, è stato possibile individuare i nominativi e i dati biografici di sei vittime considerate ignote, delle quali si è anche ricostruito il luogo e la cella di detenzione nel carcere di Regina Coeli.
Tra essi Marian Reicher e Heinz Eric Tuchman identificati ufficialmente nel 2020.

 

Nato nel 2015 grazie alle risorse del fondo "Consolidate the Foundations 2015" rese disponibili dall'Università degli Studi di Roma Tor Vergata (Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società), promotrice dell'iniziativa insieme al Museo storico della Liberazione, a partire dal 2019 il progetto è stato anche sostenuto dal Governo federale tedesco nell'ambito del Fondo italo-tedesco per il Futuro, costituito alla fine dei lavori della Commissione storica italo-tedesca istituita nel 2008, in occasione del Vertice bilaterale tenutosi a Trieste, con il mandato di procedere ad un approfondimento comune sul passato di guerra italo-tedesco.