Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto

Museo storico della Liberazione - Roma

 A seguito del nuovo decreto Covid, in vigore dal 26 aprile 2021, il Museo riapre dal lunedi alla domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00

Operai

Nonostante da più parti se ne sollecitasse la mobilitazione per il 1° maggio non si conoscono episodi significativi, anche se bandiere rosse vennero viste esposte in più punti della città. Per il successivo sciopero del 3 maggio -proclamato dal CLN in solidarietà con i corrispondenti scioperi operai delle città del nord- i nazisti avevano predisposto contromisure, soprattutto inviando guardie armate ad impedire l'adesione dei tranvieri e degli addetti ai servizi, e rafforzando presidi in punti chiave della città. Malgrado questo, lo sciopero riesce pienamente in due impianti particolarmente significativi: la Manifattura Tabacchi di piazza Mastai a Trastevere e lo stabilimento tipografico de “Il Messaggero”, dove era molto attiva una cellula del MCC. I lavoratori che non riuscirono a sottrarsi alla cattura conobbero la deportazione per lavoro forzato.