Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto

Museo storico della Liberazione - Roma

 A seguito del nuovo decreto Covid, in vigore dal 26 aprile 2021, il Museo riapre dal lunedi alla domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00

Pietro Koch

Pietro Koch, dopo aver aderito alla RSI, costituisce alle sue dirette dipendenze un reparto speciale “Reparto Speciale di Polizia Repubblicana”. Con la sua banda è protagonista di azioni famose, come la violazione dell’extraterritorialità vaticana con l’irruzione nella Basilica di San Paolo nella notte tra il 3 e il 4 febbraio 1944, nella quale arresta 67 persone che vi hanno trovato rifugio, tra cui operai, renitenti alla leva della RSI, militari dell’esercito ed ebrei. Collabora alla compilazione della lista di coloro che verranno trucidati alla Cave Ardeatine. Dopo la liberazione di Roma si trasferisce a Milano e alla fine della guerra si rifugia a Firenze; arrestato, viene tradotto a Roma dove subisce un processo al termine del quale viene condannato a morte e fucilato a Forte Bravetta.