Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto Rifiuto

Museo storico della Liberazione - Roma

 Il museo è aperto tutti i giorni dal lunedi al venerdi dalle 9:00 alle 19:00, sabato e domenica compresi.

Vincenzo Colella

Vincenzo Colella, dopo l’armistizio dell’8 settembre, come molti militari italiani era alla macchia; fu sorpreso dai tedeschi a Ruviano di Caiazzo nel Casertano, mentre ancora indossava la divisa dell’esercito e con le armi d’ordinanza. Fu fatto prigioniero, portato a Roma e rinchiuso nel carcere di via Tasso dove fu torturato, poi trasferito nel carcere romano di Regina Coeli dove condivise la cella con i futuri presidenti della Repubblica Giuseppe Saragat e Sandro Pertini. Condannato a morte, ma la condanna non fu eseguita, fu deportato in Germania e passò in diversi campi di concentramento, tra cui Mauthausen. Al ritorno in Italia, dopo avere trascorso in ospedale un anno per riprendere forze, fu professore nelle scuole statali a Roma. È morto nel 2015 all’età di 100 anni.