Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto

Museo storico della Liberazione - Roma

 A seguito del nuovo decreto Covid, in vigore dal 26 aprile 2021, il Museo riapre dal lunedi alla domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00

Documento uccisione Franco Sardone

Un documento redatto a mano dalle SS testimonia che Franco Sardone fu ucciso dallo stesso Kappler il 31 gennaio 1944 durante un interrogatorio. Il nome di Sardone compare poi nell’elenco dei fucilati a Forte Bravetta, con l’evidente volontà di occultare questo delitto. Un altro prigioniero, Aldo Guadagni operaio della società telefonica TE.TI. e militante del movimento comunista Bandiera Rossa, sottoposto a interrogatori e torture, aveva reagito energicamente a un atto provocatorio dei carcerieri i quali a loro volta risposero uccidendolo con due colpi alla nuca e poi ne gettarono il corpo dal quarto piano per simulare un suicidio.