Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto

Museo storico della Liberazione - Roma

 A seguito del nuovo decreto Covid, in vigore dal 26 aprile 2021, il Museo riapre dal lunedi alla domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00

Le squadre di Kappler

Nel rapporto telegrafato all’indomani della razzia ed inviato al suo superiore Karl Wolff, Kappler dice di aver impiegate tutte le “forze di Polizia di Sicurezza e d’ordine disponibili.” (“Sicherheits- und Ordungspolizei“) e aggiunge: ”in vista dell’assoluta sfiducia nella polizia italiana, per una simile azione, non è stato possibile chiamarla a partecipare 17 ottobre 1943”. Liliana Picciotto sostiene che probabilmente il non impiego della polizia italiana fu dovuto non tanto alla scarsa affidabilità quanto piuttosto al fatto che ad ottobre del ’43 la RSI non si era ancora dotata di istituzioni formali e funzionanti; infatti successivamente la caccia agli ebrei fu nelle mani della polizia italiana. A conferma di questa tesi ricorda che la retata parigina del 16, 17 luglio in quanto negoziata con il governo di Vichy fu affidata totalmente alla gendarmeria francese.