Cookie disclaimer

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per approfondire leggi la pagina Privacy and cookie policy. Accetto

Museo storico della Liberazione - Roma

 A seguito del nuovo decreto Covid, in vigore dal 26 aprile 2021, il Museo riapre dal lunedi alla domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00

La propaganda antisemita fascista

In quello stesso giorno i romani potevano leggere sulla prima pagina del Messaggero un articolo sulla guerra in corso, che con un tempismo sospetto, affermava: "la colpa della guerra ricade sugli ebrei […] e su tutti coloro che, siano pure di sangue ariano, hanno fatto propria la mentalità ebraica, brutale e mammonistica. […] Oggi, come sempre, il fascismo considera i figli d’Israele come uno dei suoi mortali nemici, e la minaccia ebraica come una delle più sinistre fra quelle che preoccupano la nostra nazione in queste ore decisive”.( Robert Katz, Sabato nero…, cit., p. 200).